I Rom nell'arte

I Rom e il paesaggio: la poetica ambientale dei “senza luogo”

10 mag , 2018  

641brueghel-jan_riunione

La pittura paesaggistica ha rappresentato uno dei filoni maggiormente frequentati dagli artisti. Il paesaggio, che inizialmente faceva da complemento e da sfondo nelle scene religiose o mitologiche e nei ritratti, diventa ben presto un genere pittorico indipendente, grazie all’innovazione apportata dai pittori olandesi ai primi del Seicento. I Rom, per la loro natura nomade, all’aria […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

Gli zingari “en plein air”: Barbizon e dintorni

20 gen , 2018  

621jacques_barbizon

La caratteristica fondamentale che distingue i Rom dagli altri, i gagé, è il loro rapporto con la natura. Nomadi o sedentari, i Rom hanno elaborato un rapporto di simbiosi con la natura fondato su una rete di relazioni empiriche e simboliche estremamente originali[1]. La loro vita quotidiana all’aria aperta, sotto una tenda o in un […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La Bohème: gli zingari e l’atelier dell’artista

28 dic , 2017  

599manet_musicista

Il termine francese bohème o bohémien (letteralmente ‘boemo’), riferito alle popolazioni rom, secondo l’errata credenza popolare che esse provenissero dalla Boemia, fu usato per indicare il movimento artistico, nato a Parigi negli anni trenta del XIX secolo, che raggruppava giovani letterati, pittori e musicisti, il cui stile di vita anticonformista, ribelle tanto alle regole accademiche dell’arte quanto […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La gitanilla: il mito dell’eroina zingara

3 dic , 2017  

569rousseau1897

La figura femminile della zingara è un personaggio chiave che ha svolto un ruolo importante e singolare nella letteratura, nella musica e nelle arti figurative europee. Ispiratrice di grandi capolavori, che ne hanno esaltato il fascino e la passionalità, ha incarnato di volta in volta i più sublimi archetipi nell’immaginario sociale e nel simbolismo estetico. […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La Natività di Castelseprio: i Rom in Italia nel IX secolo

13 lug , 2017  

002Castelseprio2

Guerrino Lovato nel suo libro “La levatrice incredula nella leggenda della Natività” ha messo a fuoco un tema poco conosciuto e singolare nell’iconografia della Natività, quello della levatrice Salomè che mise in dubbio la verginità della Madonna (Lovato, 2012). L’episodio si ispira ai Vangeli apocrifi, in particolare lo Pseudo-Matteo e il Protovangelo di Giacomo, nei quali […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

LA BUONA VENTURA: frodatori e frodati

13 lug , 2017  

382caravag1

Le cronache medievali che descrivono l’arrivo dei Rom nell’Europa occidentale ai primi del Quattrocento si dilungano nell’osservare che una delle attività principali praticate dalle donne era la lettura della mano[1]. La banda apparsa nell’ottobre del 1421 ad Arras, nel nord della Francia, annoverava alcune donne che “guardavano nelle mani delle persone e poi dicevano molte […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

Il vaticinio: sibille, profetesse e astrologhe

13 lug , 2017  

507vanni_sibilla

L’immagine divinatoria della zingara ha travalicato le mere competenze di un’arte al servizio del profitto e si è rivestita di un alone di sacralità mediante i suoi poteri premonitori, le sacre profezie bibliche e i pronostici astrologici. Richiamandosi alla mitica origine egiziana dei Rom, la tradizione popolare ha fatto della zingara l’erede delle sibille del […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

I Bohémiens: le incisioni di Callot

1 mar , 2017  

357callot_unionecolor2

In Francia uno degli appellativi per designare i Rom, che ha avuto una grande fortuna dal Medioevo ad oggi, è quello di Bohémiens, che evoca straordinarie suggestioni, dalla poetica romantica dei “Bohémiens en voyage” di Baudelaire, all’ispirazione artistica di due generazioni di pittori della Bohème parigina fino alla consacrazione musicale in una celebre canzone popolare, […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

I Cingari: l’alterità e lo stereotipo

22 feb , 2017  

304maestro-di-housebook3

      Nei capitoli precedenti abbiamo visto come l’intento dell’artista rinascimentale non era quello di raffigurare i Rom in quanto tali, ma nella loro dimensione simbolico-religiosa, come nelle opere di arte sacra, o suggestivo-esotica, come nelle tappezzerie franco-fiamminghe. Si tratta ora di analizzare come l’iconografia “realistica” abbia rappresentato coloro che popolarmente venivano denominati cingari, […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La “Carrabarra”: i Rom nelle tappezzerie franco-fiamminghe del Cinquecento

8 feb , 2017  

286arazzo_castello1

A partire dal XVI secolo, con le scoperte geografiche e le conquiste dei grandi navigatori, in Europa si andò sviluppando un sempre maggiore interesse per le popolazioni e le culture lontane, grazie al fascino esotico che esse suscitavano. In particolare ebbe grande risonanza il viaggio del portoghese Vasco de Gama in India nel 1498, tanto […]

...Leggi tutto