836Callot (da)_Impruneta1

I Rom nell'arte

Fiere, sagre e mercati: il rendering della festa e del commercio

17 mar , 2019  

    Uno dei luoghi comuni della ziganologia è che i Rom hanno sviluppato una preminente relazione con il mondo rurale e contadino. E’ indubbio che il loro stile di vita nomade li metteva costantemente in contatto con le popolazioni rurali, alle quali chiedevano i generi alimentari di prima necessità (farina, pane, lardo, patate, parti scadenti di carne bovina e suina, acqua da bere e per fare da mangiare), e alle quali offrivano vari tipi di prestazioni (ferri di cavallo, ceste di vimini, mollette da bucato, riparazione di utensili da cucina, oltre a spettacoli e intrattenimenti musicali).

    Tuttavia si è enfatizzato troppo il ruolo che la società agricola ha svolto nelle dinamiche interattive con le varie comunità rom, a scapito di una giusta loro collocazione in un ambito cittadino. Per la maggioranza dei Rom è il centro urbano il luogo principale deputato allo svolgimento delle loro attività economico-commerciali e delle loro prerogative “predatorie”, come la questua e la chiromanzia, in un rapporto di simbiosi a basso profilo e a loro esclusivo vantaggio. E’significativo che nella lingua rom il termine per “città” è foro (dal greco foros ‘mercato’), identificando la città con il mercato cittadino. I Rom non hanno mutuato dal greco il termine più ovvio polis ‘città’, ma foros perché rispondente al loro immaginario della città, insignificante sotto l’aspetto politico-urbanistico (polis), ma importante come luogo economico (foros).

Una costante comune a tutte le comunità rom è la loro frequentazione dei mercati cittadini, le fiere dei cavalli, le sagre paesane, le feste patronali, dove vi è grande concorso di folla e di clientela per le transazioni economiche degli uomini (commercio di equini, vendita di prodotti artigianali) e delle performances esclusive delle donne (questua e chiromanzia). Gli artisti non mancano, quindi, di rappresentare il “rendering” di questo spettacolare mix di attività economiche e cerimonie farsesche, inserendo gli zingari (specialmente le donne) nelle scene che rievocano appuntamenti mercantili o momenti di festa, come le sagre paesane, il carnevale, i pellegrinaggi e le ricorrenze religiose

 

 

 

 

La “festa del villaggio”: caricatura e metafora dell’esistenza umana

Uno dei temi, in cui si distinsero i pittori fiamminghi e olandesi, fu quello della “festa del villaggio”, che si svolgeva in occasione di una sagra popolare o una ricorrenza religiosa, in cui vengono descritte in modo dettagliato le varie scene e i personaggi che prendono parte alla manifestazione. In queste rappresentazioni vivaci e colorite di vita festosa collettiva, a cui non è estraneo l’intento satirico e caricaturale, non manca la figura della zingara che legge la mano.

Nella Festa fiamminga, opera di un pittore fiammingo della cerchia di Pieter Balten, uno dei principali inventori del genere della scena del villaggio, seconda metà del XVI secolo, Palais Galliera di Parigi, è rappresentata l’esuberante allegria che anima la fiera cittadina, in una serie di scene e di personaggi farseschi, che diventano metafora dell’esistenza umana. A sinistra vi è una locanda, dove un gruppo di persone, sedute attorno a una tavola, mangiano e bevono allegramente. Dietro di loro alcuni spettatori assistono a giochi di intrattenimento e di equilibrismo. In fondo altre persone si accalcano attorno alle bancarelle. Qua e là ci sono gruppi di persone che ballano in cerchio, borghesi che conversano, nobili a cavallo, qualcuno che ha un malore e cani che abbaiano. In primo piano, a destra, due donne zingare intrattengono i clienti. Una zingara dallo straordinario copricapo circolare, seduta per terra, legge la mano a una contadina, mentre due marmocchi trafugano il cibo dal cestino lasciato incustodito. Accanto, una giovane zingara conversa con un distinto giovanotto con un bastone in mano, mentre un bambino ricciuto avvolto in uno svolazzante mantello lo borseggia.

 

 831Balten (cerchia)

Pieter Balten (seguace), Festa fiamminga, seconda metà XVI secolo, Parigi, Palais Galliera

 

In una Festa fiamminga di Jan Brueghel il Vecchio, datata 1600 e conservata alla Royal Collection Trust di Londra, viene rappresentata una kermesse popolare tra manifestazioni religiose e profane, come solitamente se ne vedevano nelle Fiandre e in Olanda, sullo sfondo di uno straordinario paesaggio fluviale. Davanti a una basilica si svolge una processione religiosa con un grande concorso di folla. A sinistra vi è una locanda, piena di gente seduta attorno a un tavolo, mentre un gruppo di avventori giocano a dadi sotto un albero. Al centro due gruppi di contadini danzano in cerchio al suono di cornamuse. In primo piano a sinistra alcuni mendicanti avanzano con il bastone e il cappello in mano, mentre un giullare scherza con un gruppo di bambini. A destra, sul ciglio di un dirupo sulla vallata, l’immancabile scena di chiromanzia con un’anziana zingara che legge la mano a un rozzo contadino, sotto gli occhi di una giovane zingara che tiene in braccio un bambino.

 

 

832Brueghel Jan_festa1    833Brueghel Jan_Festa2

Jan Brueghel il Vecchio, Festa fiamminga, 1600, Londra, Royal Collection Trust

 

 

Il dipinto Scene di mercato alla piazza Meir di Anversa di un artista anonimo della Scuola olandese meridionale, inizio XVII secolo, conservato nei Musei Reali delle Belle Arti del Belgio di Bruxelles, è un interessante spaccato di un giorno di mercato ad Anversa, importante centro commerciale dell’Europa, punto d’approdo delle spezie portoghesi importate dall’India e delle merci baltiche di legnami e pellicce. Nella piazza brulicante di gente, sullo sfondo delle tipiche case fiamminghe che si affacciano sulla strada, nel trambusto dell’attività mercantile, le donne zingare, riconoscibili per il loro tipico abbigliamento, soprattutto il loro copricapo, si ritagliano spazi appartati in basso a destra, sfruttando il momento opportuno per i loro affari. Una di loro legge la mano di una donna borghese con un cesto di vivande e un’altra si intrattiene con una contadina. Alle loro spalle una coppia ricalca la stessa scena della “Festa fiamminga” del seguace di Balten, ma con un sottinteso più ambiguo, fatto di intensi sguardi e della posa molto confidenziale della giovane zingara con il braccio appoggiato sulla spalla dell’aitante giovane, forse per offrire qualche prestazione amorosa.

 

834Scuola olandese1    835Scuola olandese2

Scuola olandese, Scene di mercato alla piazza Meir di Anversa, inizio secolo XVII,

Bruxelles, Musei Reali delle Belle Arti del Belgio

 

 

 

 

Fiere, carnevali e teatro: lo spettacolo tra finzione e realtà

Anche in Italia nel XVII secolo ogni manifestazione popolare, come le fiere, il carnevale e gli spettacoli all’aperto, era un’occasione importante che vedeva la presenza costante e puntuale delle donne zingare in mezzo alla folla. L’incisione La fiera dell’Impruneta, una delle opere più note di Jacques Callot, in una copia colorata datata dopo il 1620 e conservata nei Musei Reali delle Belle Arti del Belgio di Bruxelles, rappresenta la spettacolare Fiera di San Luca, una delle più importanti fiere di bestiame della Toscana che si svolge ogni anno alla metà di ottobre sulla vasta spianata antistante il Santuario di Santa Maria ad Impruneta, borgo posto su un colle poco a sud di Firenze. Nella grande spianata, dominata dalla grande chiesa dell’Impruneta, vi è un magma caotico di oltre 1500 figure, molte di dimensioni ridottissime, tra pellegrini, mercanti, soldati, imbonitori, mendicanti, saltimbanchi, religiosi, nobili a cavallo e prostitute. In primo piano a sinistra, a debita distanza dalla chiesa e vicino a una locanda dove si svolge una scena conviviale, una zingara assistita da una compagna con un bambino in braccio legge la mano a una gentildonna, mentre un ragazzino borseggia una delle sue accompagnatrici.

 

836Callot (da)_Impruneta1     837Callot (da)_impruneta1

Jacques Callot (copia da), La fiera dell’Impruneta, dopo 1620,

Bruxelles, Musei Reali delle Belle Arti del Belgio

 

Il dipinto Il Carnevale in Piazza Colonna a Roma di Jan Miel, pittore fiammingo appartenente al gruppo dei Bamboccianti, datato 1645 e conservato nel Wadsworth Atheneum di Hartford (USA), ci offre una scena di massa durante il martedì grasso nella Roma del ‘600 sullo sfondo di Piazza Colonna. Al centro del dipinto vi è la colonna con la statua di San Paolo, circondata dalla nobiltà romana a cavallo o in carrozza. La piazza è affollata di gente in festa, mendicanti, monelli, venditori ambulanti, giocatori di morra. Una troupe di attori della commedia dell’arte in piedi su un carro partecipano alla baldoria, mascherati dalle figure del ciarlatano, del dottore, dello Zanni chitarrista. A sinistra una specie di manichino penzola dalla forca, a simboleggiare la fine dell’inverno (http://www.wikiwand.com/en/Jan_Miel).

In basso a destra una zingara in piedi con una lunga veste azzurra e con il capo avvolto in un grande foulard legge la mano a un giovane in cappa e cappello, mentre un’altra donna, seduta per terra con una bandana in fronte, attira con gesti teatrali la curiosità di alcuni uomini. In questa spettacolare farsa, in cui i vari personaggi in costume e mascherati recitano la loro parte di finzione, le zingare nei loro strani ma autentici costumi e senza travestimenti svolgono il loro ruolo quotidiano, come se stessero compiendo azioni carnevalesche (Maynard).

 

838Miel_Carnevale1    839Miel_Carnevale2

Jan Miel, Carnevale in Piazza Colonna a Roma, 1645, Hartford (USA), Wadsworth Atheneum

 

Il contrasto tra la finzione scenica e la dura realtà quotidiana è particolarmente evidente nella Rappresentazione della commedia dell’arte di Karel Dujardin, un pittore olandese trasferitosi in Italia nel 1642, noto soprattutto come bambocciante, seconda metà del XVII secolo, collezione privata. Questa scena popolare è ambientata probabilmente a Roma e rappresenta una troupe di comici italiani impegnati a dare uno spettacolo teatrale all’aperto di fronte a un pubblico pittoresco e variegato. In primo piano vi sono alcuni personaggi, appartenenti al mondo dello spettacolo itinerante, un uomo che gestisce il banco degli anelli, un gioco di abilità che consiste nell’infilare un anello di legno in un un lungo chiodo infisso in un tavolo, e una giovane danzatrice, seduta su una pietra con in mano un tamburo appoggiato per terra. Confusa tra gli spettatori vi è una giovane donna zingara, con una lunga veste rigata e il copricapo di stoffe allacciato sotto il mento, con in braccio un bambino addormentato, sostenuto da una fascia a tracolla, nell’attesa che venga il suo turno di chiedere l’elemosina o leggere la mano. E’ la rappresentazione allegorica di categorie sociali diverse e del loro diverso modo di procurarsi da vivere, in mezzo a una folla anonima, assorta in una ipnotica e alienante finzione teatrale, ignara della dura vita quotidiana.

 

 840Dujardin_commdia dell'arte

Karel Dujardin, Rappresentazione di commedia dell’arte, seconda metà XVII secolo, collezione privata

 

 

 

La fiera di Siviglia: un ruolo gitano attivo

I gitani spagnoli, detti propriamente Kalé ‘neri’, hanno costituito, specialmente in Andalusia, parte integrante nel tessuto sociale ed economico della nazione. Il dipinto Alla fiera di Siviglia del pittore Manuel Cabral Aguado Bejarano, uno dei migliori rappresentanti del costumbrismo andaluso, datato 1855 e conservato nel Museo Carmen Thyssen di Malaga, offre una ricostruzione minuziosa e documentaria della fiera del bestiame, risalente al 1847, che si svolge sul Prato di San Sebastiano fuori le mura di Siviglia.

Sullo sfondo dei principali monumenti della città, la Cattedrale con la Giralda, l’Alcazar, la Reale Fabbrica di Tabacchi e la Porta di San Fernando, un grande spazio ospita la straordinaria manifestazione con gli avventori che trattano gli affari o si rifocillano sotto i tendoni gastronomici. In primo piano al centro spiccano due giovani sivigliani, in magnifici costumi su cavalli bardati a festa, di cui uno corteggia una ragazza splendidamente vestita con una rosa rossa in mano. A sinistra alcuni allevatori di bestiame, accanto a un ovile recintato, contrattano il prezzo di pecore e maiali. A destra sorgono i padiglioni con le bancarelle di buñuelos, ciambelle o frittelle fatte con farina, latte, uova, zucchero e succo di limone, gestite da donne zingare in eleganti abiti, orecchini, fiori nei capelli, collane di corallo, scialli sul petto e grembiuli bianchi. Una zingara, seduta su una sedia, aiutato da un giovane gitano che indossa una giacca corta e un “sombrero de queso”, frigge le frittelle in una grande padella su un forno improvvisato, che una sua compagna serve su piatti di ceramica ai commensali seduti attorno a un tavolo sotto la tenda (Jimenez, 2017).

Il mestiere di buñoleras o venditrici di frittelle è una prerogativa tipica e antica delle gitane del quartiere di Triana e ha ispirato una delle più belle leggende sivigliane. Si racconta che il re Don Pedro I di Castiglia (13341369), si invaghì di una bellissima nobildonna di Siviglia, Donna Maria Coronel, ma fu respinto poiché Don Pedro aveva fatto uccidere suo padre per impossessarsi delle sue proprietà. Per sfuggire alle continue molestie del re, aveva cercato rifugio nel quartiere zingaro e quando stava per essere raggiunta, prese dalle mani di una zingara una padella d’olio bollente con cui stava friggendo le frittelle, e la gettò in faccia all’inseguitore (Dembowski, 1841, p. 159).

 

841Bejarano

 Manuel Cabral Aguado Bejarano Alla fiera di Siviglia, 1855, Malaga, Museo Carmen Thyssen

 

 

 

Le fiere di cavalli in Inghilterra: indifferenza e snob

In Inghilterra erano soprattutto le fiere di cavalli ad attirare i gypsies inglesi da ogni parte del paese, secondo le scadenze del calendario, come la Lee Gap Fair, la più antica fiera di equini d’Inghilterra, che si svolge a West Ardsley nello Yorkshire alla fine di agosto o la più nota fiera di Appleby nella contea di Cumbria in giugno o il derby di Epsom Downs, vicino a Londra, con le famose corse di cavalli. I gypsies arrivavano con i loro tradizionali carrozzoni colorati e finemente scolpiti per commerciare in cavalli o vendere i prodotti del loro artigianato, ferri di cavallo, briglie, ceste di vimini, scope, fiori carta, mollette da bucato, pelli di coniglio essiccate. Le donne giravano tra gli stand e i capannelli delle persone a fare la questua o a leggere la mano.

Il Derby Day o Il giorno del derby di William Powell Frith, datato 1858 e conservato alla Tate Gallery di Londra, è un grande dipinto che mostra una vista panoramica della grande manifestazione ippica di Epsom Downs alla fine di giugno. Sullo sfondo dell’ippodromo, dove si muovono fantini, allibratori e spettatori, nella platea in primo piano ai bordi del campo si sviluppano tre scene che rappresentano l’umile mondo dei bisognosi che gravitavano attorno alla società aristocratica inglese in epoca vittoriana. Sulla sinistra, giocatori d’azzardo in giacche di velluto e cappelli a cilindro si accalcano attorno a un tavolo, dove si svolge il gioco delle tre campanelle. Al centro una famiglia di poveri saltimbanchi si esibisce davanti a un pubblico di nobili e damigelle. Un acrobata è pronto a fare un numero con suo figlio, ma l’attenzione del magro ragazzo è tutta rivolta verso un distinto signore che sta preparando un lauto picnic. All’estrema destra, una vecchia zingara, dal viso scuro e un rosso foulard a fiori in testa, tenta di persuadere un’elegante damigella, mollemente seduta su una carrozza con un ombrellino da sole in mano, a farle la carità, ma lei volge altrove lo sguardo indispettita. Una ragazzina, con un lungo saio marrone e un foulard identico a quello della vecchia, offre un fiore di carta a un azzimato damerino appoggiato alla carrozza con un sigaro in bocca, fidanzato o marito della donzella scontrosa, che la degna di uno sguardo di disprezzo e superiorità.

 

842Powell_Derby day1    843Powell_Derby day2

William Powell Frith, The Derby Day, 1856–58, Londra, Tate Gallery

 

L’opera di Frith conseguì una notevole celebrità e fu imitata da altri pittori, come Aaron Green, che rappresentò una scena simile, anche se in prospettiva più ravvicinata, nel dipinto Epsom Downs, datato 1863 e conservato nel The Potteries Museum & Art Gallery di Stoke-on-Trent. Sullo sfondo si vede l’ippodromo con la pista di corsa, i fantini e le tribune degli spettatori. In primo piano vi sono alcune scene di intrattenimento popolare con imbonitori, teatranti, musicisti, esibitori di giochi di abilità e zingari. A sinistra un barbuto lord con cappello a cilindro e una coppia di giovani borghesi si cimentano nel tiro a segno, lanciando un bastoncino verso un manichino di donna mascherata. Al centro vi è il lancio degli anelli di legno in spiedi conficcati nel terreno e il lancio di palle nei buchi tondi di una tavola di legno appoggiata in piedi sul terreno. Alla destra una compagnia di teatranti in maschera, accompagnati da una scimmia ammaestrata, suonano diversi strumenti musicali. In basso una famiglia di borghesi londinesi, seduti sul prato, fanno un lauto picnic, mentre una zingara con in braccio un bambino, chiede qualche boccone avanzato, tra l’indifferenza indispettita dei commensali, e uno scaltro bambino, vestito di laceri stracci, sottrae una bottiglia di vino a un bevitore che si è assopito e un altro bambino gli ruba di soppiatto il portafoglio.

 

Green, Aaron, 1820-1898; Epsom Downs, 1863    Green, Aaron, 1820-1898; Epsom Downs, 1863

Aaron Green, Epsom Downs, 1863, Stoke-on-Trent, The Potteries Museum & Art Gallery

 

 

 

Il pellegrinaggio gitano a Saintes-Maries-de-la Mer

In Francia si svolge la più grande manifestazione che vede protagonisti i Rom come realtà di popolo, in una dimensione storica, socio-economica, festosa, religiosa, simbolica e “patriottica”. E’ il grande raduno annuale di migliaia di Rom e Sinti alla fine di maggio alle Saintes-Maries-de-la-Mer, una piccola cittadina della Camargue, in Provenza, per festeggiare Santa Sara la Kalí (Sara la Nera), la loro protettrice. Un vangelo apocrifo dei primi secoli dell’era cristiana, la riesumazione e la ricognizione di ossa femminili nel medioevo, l’antica teoria dell’origine “egiziana”, la speculazione settecentesca sulla provenienza dall’India e il sentimento romantico dell’Ottocento hanno costituito le tappe fondamentali nella creazione del mito di Sara, una santa mai canonizzata dalla chiesa.

Secondo un vangelo apocrifo, dopo la morte di Cristo, Maria Giacobea, parente della Vergine, e  Maria Salomè, madre degli apostoli Giacomo e Giovanni, fuggirono dalla Palestina su una barca  senza remi né vele, con alcuni compagni, tra cui Sara, la serva egiziana dalla pelle scura, e approdarono sulla spiaggia della Camargue, dove ora sorge il paese che da loro prese il nome di Les-Saintes-Maries-de-la-Mer. Nel 1448, durante gli scavi nella cripta della medievale chiesa-fortezza del borgo, voluti dal re Renato di Provenza, furono rinvenuti i presunti resti delle due Marie oltre alle ossa di una fanciulla. Nacque così la leggenda di santa Sara Kalí l’egiziana, patrona degli zingari, favorita dal fatto che i gitani erano considerati di origine egiziana. A ciò si aggiunse la fantasiosa ipotesi che collega il culto di Sara Kalí a quello indiano della dea Kalí, come retaggio ancestrale della loro religiosità primitiva. In realtà il termine “kalí” è un semplice attributo morfologico, che significa “nera”, che si riferisce al colore scuro del suo volto e rappresenta un ennesimo esempio di distorsione storico-linguistica della cultura zingara.

La complessità di tutte queste suggestioni ha prodotto un’iconografia ibrida, in cui si mescolano i cliché tradizionali cristiani alle origini indiani della santa. Un pannello in legno di una porta della chiesa della cittadina francese rappresenta Lo sbarco miracoloso delle due Marie e di Sara in Camargue, XVI o XVII secolo, in cui si vede la barca fluttuare sulle onde del mare e le due Marie e Sara con le mani giunte in preghiera, mentre raggi di luce divina irraggiano dal cielo.

L’iconografia “indiana” di santa Sara traspare in un dipinto di un artista anonimo, che rappresenta Lo sbarco delle due Marie e di Sara, databile alla metà del XIX secolo, con le tre donne nella barca, salvate dall’intervento della Vergine, di un angelo e del dio del mare che al rullo di un tamburo calma le acque, mentre un altro angelo regge il modello della futura chiesa che sarà eretta in onore delle sante. Le due Marie, in piedi sulla barca, vestono il tradizionale costume delle donne arlesiane, il tipico droulet, la lunga gonna decorata e stretta in vita con un piccolo gilet bianco aperto e frastagliato sul petto e il copricapo con il famoso nastro di velluto (http://www.museonarlaten.fr/collections/uow/Arlatentest4/). Sara, invece, sdraiata sul fondo della barca, con il viso scuro, i lunghi orecchini, la collana e una corona floreale in testa, veste il tipico abbigliamento indiano, costituito dal sari e da una corta e sgargiante camicetta.

 

846Lo sbarco1     847Lo sbarco_St Jean de Saint-Denis

Anonimo, Lo sbarco miracoloso delle due                            Anonimo, Lo sbarco delle due Marie e di Sara,

Marie e di Sara in Camargue, XVI o XVII                           metà XIX secolo

Secolo, chiesa di Saintes-Maries-de-la Mer

 

Secondo un’altra leggenda medievale Sara era la figlia del re dei primi abitanti della Camargue, gli antenati degli zingari, che accolse i cristiani che giunsero ​​dalla Palestina. Quando vide l’imbarcazione delle Marie in difficoltà nel mare in burrasca, Sara gettò il proprio mantello nelle acque, che per miracolo si trasformò in una zattera, con cui le sante poterono raggiungere la riva. Questa scena è illustrata in un dipinto, Sara aiuta le sante Marie a sbarcare sulla spiaggia della Camargue, conservato all’interno della chiesa di Saintes-Maries-de-la Mer, databile alla fine del XIX secolo, che mostra le due Marie in balìa delle onde del mare, mentre Sara, con il copricapo zingaro allacciato sotto il mento, dopo aver gettato il proprio mantello in acqua, vi cammina sopra e le raggiunge portandole in salvo.

 

848Lo sbarco2

Anonimo, Sara aiuta le sante Marie a sbarcare sulla spiaggia della Camargue, fine XIX secolo

 

Il pellegrinaggio zingaro alle Saintes-Maries è in effetti un evento molto recente e risale alla metà del XIX secolo, allorché ebbe grande risonanza sulle riviste illustrate francesi, che descrissero con toni folcloristici e con grandi tavole a colori i momenti salienti dell’importante raduno. La prima menzione dell’evento compare in un articolo della rivista “Illustration” del luglio 1852, con una bella incisione Accampamento di pellegrini alle Saintes-Maries-de-la-Mer di J.B.Laurens, che mostra una panoramica di un grande accampamento di zingari con i loro carretti, cavalli, anatre e i loro utensili domestici sullo sfondo della maestosa chiesa fortificata della cittadina.

Secondo una romantica e falsa diceria, durante il raduno annuale degli zingari convenuti da ogni parte d’Europa, si svolgerebbe la cerimonia dell’elezione della loro regina. Già nel giugno del 1913 il settimanale “Le Petit Journl” descriveva e illustrava questa cerimonia, attribuendola alla genuina tradizione zingara. Tra un folto gruppi di astanti, che agitano ramoscelli di quercia, un autorevole capo delle tribù zingare pone una corona sul capo di una fanciulla. Evidentemente si tratta di una leggenda, alimentata dalle suggestioni letterarie di alcuni scrittori romantici francesi come Frédéric Mistral, o a una pantomima messa in scena dagli stessi gitani per spillare soldi a giornalisti e fotografi, dal momento che nella società  zingara non vi è nessun capo supremo investito di poteri sovrani e assoluti.

 

850Saintes_1852       852SaintesMaries_petit1

J.B, Laurens, Accampamento di pellegrini a                          Anonimo, L’elezione della regina degli

Saintes-Maries-de-la-Mer  Illustaration, 1852                       zingari a Saintes-Maries-de-la Mer,

                                                                                                            Le Petit Journal, 1 giugno 1913

 

Nel pomeriggio del 24 maggio di ogni anno, la statua di santa Sara, detta Kalì per il suo viso scuro, preceduta dai gardians, i mandriani camarghesi a cavallo, e dalle eleganti dame provenzali in costume, accompagnata dal suono di musiche zigane al grido di “Viva Santa Sara”, viene portata in processione fino al mare, dove viene immersa nell’acqua per tre volte.

Nel disegno La processione al mare di Santa Sara di R. Tournon, 1920, gli zingari con il clero, i gardians che reggono la lunga pertica con il tridente su cavalli bianchi, gli stendardi e la statua della santa si incamminano sulla spiaggia verso il mare. In primo piano una donna zingara con in braccio un bambino e un uomo che conduce un orso al guinzaglio. A fianco, il manifesto del Pellegrinaggio a Les-Saintes Maries-de-la-Mer dell’anno 2005 di Kkrist Mirror, pseudonimo di Christian Guyot, che illustra l’intensa partecipazione emotiva di uomini e donne durante la processione con la santa. Di anno in anno si rinnova questo rito simbolico tra religiosità primitiva e superstizione, cementando il senso di appartenenza di un popolo, che nonostante le persecuzioni, prosegue lungo il corso di una tradizione millenaria.

 

854Tournon R. 1920_processione al mare            855aintMar51   

R. Tournon, La processione al mare di Santa Sara,                          Kkrist Mirror, Manifesto del

1920                                                                                                          pellegrinaggio a Saintes-Maries-de-la-

Mer, 2005

 

 

   BIBLIOGRAFIA 

Asséo Henriette, La Chiesa cattolica e gli Zingari in Francia in AA.VV, La Chiesa cattolica e gli Zingari, 2000.

Dembowski Charles, Deux ans en Espagne et en Portugal pendant la guerre civile 1838-1840, Parigi 1841, 105-112; 157-159).

http://www.museonarlaten.fr/collections/uow/Arlatentest4/

http://www.wikiwand.com/en/Jan Miel.

Jimenez Gonzales Nicolas, Pintando gitanas y gitanos, 5 febbraio 2017, in   https://gitanizate.wordpress.com/2017/02/05/pintando-gitanas-y-gitanos/).

Maynard Powell Linda, Feasts, Fairs and Festivals: Mirrors of Renaissance Society in  http://teachersinstitute.yale.edu).


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *