I Rom nell'arte

I pregiudizi e gli stereotipi: un concentrato ideologico di atroci falsità

2 nov , 2019  

1262Vignetta

  Il reverendo inglese George Hall, nel suo libro The Gypsy’s Parson. His experiences and adventures, pubblicato a Londra nel 1915, frutto di una lunga esperienza vissuta tra i gypsies inglesi incontrati durante i suoi viaggi, racconta che un giorno a Londra incontrò una ragazza e ingenuamente le chiese perché essendo zingara avesse i capelli […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

Lo spettacolo viaggiante: l’arte nomade del divertimento

19 ott , 2019  

1234Ursar_biserica din olari

  Come per la musica, la danza, la metallurgia e la chiromanzia, i Rom hanno dato un contributo fondamentale anche allo sviluppo dello spettacolo viaggiante. “Sorciers, bateleurs ou filous,                     Stregoni, giocolieri o imbroglioni, Reste immonde                        […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La musica, il canto e la danza: come disprezzare la vita che fugge

10 lug , 2019  

1176Pongrácz_F_Hegedülő_cigány_Baumgartner1836

Con la musica i Rom hanno scritto uno dei capitoli più straordinari e unici della loro storia. Non si può immaginare il popolo rom senza la musica[1]. La musica e la danza scorrono nelle loro vene fin dalla notte dei tempi. Senza la musica non ci sarebbe il rom, e non c’è rom senza musica. […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La zingara questuante: l’emblema della povertà

7 giu , 2019  

1074Questua

  Al loro arrivo in Europa nel Quattrocento, i Rom suscitarono pietà e disprezzo per le loro misere condizioni di vita. Questi individui “senza loco né foco”, vagabondi, miseri, laceri e scalzi erano l’immagine stessa della povertà e dell’indigenza. Alcuni autorevoli eruditi del Cinquecento vollero scorgere nel nome cingari o cingani, con cui erano popolarmente denominati, […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

I mestieri: “lavorare per vivere” e non “vivere per lavorare”

1 giu , 2019  

1016Barabas1855

  L’immaginario comune dell’attività lavorativa dei Rom è tra le rappresentazioni più stereotipate e distorte del loro mondo. E’ ampiamente diffusa l’idea che i Rom siano inoperosi, parassiti e senza alcuna propensione all’attività lavorativa e che traggano i mezzi di sostentamento da attività illecite. Nel corso della loro storia, invece, i Rom si sono rivelati […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

Nascita, matrimonio, morte: riti di passaggio ravvicinati e carichi di tabù

25 apr , 2019  

972Battes_Germania1892

La vita sociale dei Rom ruota tutta intorno a tre fondamentali momenti dell’esistenza: la nascita, il matrimonio e la morte. Ognuno di questi eventi non riguarda solo l’individuo o la sua famiglia stretta, ma coinvolge l’intero clan in una serie di relazioni sociali, rituali e simboliche, che rinsaldano i legami tra i membri e l’unità […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

La romanipé: i Rom tra identità e integrazione

19 apr , 2019  

953Bandiera

Dalle facili generalizzazioni del passato, che consideravano i Rom in blocco, facendo come si dice “di ogni erba un fascio”, si è passati allo studio analitico dei sin­goli gruppi, mettendo in evidenza la grande varietà e diversità dei tratti culturali propri di ciascun gruppo, acquisiti nel tempo a contatto con genti e culture diverse.  Ma […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

Il realismo sociale: la rappresentazione di un’esistenza marginale

12 apr , 2019  

921Seabright_Borrow1

A partire dall’Ottocento in Inghilterra si instaurò un nuovo approccio al mondo zingaro, improntato a un atteggiamento più realistico e filantropico che, superando le misure repressive del passato contro gli zingari, cercava di migliorare le loro condizioni sociali e morali con l’intento di integrarli nella società civile. Questa svolta del riformismo sociale inglese non ha […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

I figli del vento: il viaggio e la sosta

30 mar , 2019  

897VanGogh2

La storia dei Rom ha inizio oltre duemila anni fa nel subcontinente indiano. Si chiamavano propriamente Ḍom che significa “uomini” (dalla radice indoeuropea *gdhom, da cui derivano il latino homo ‘uomo’ e humus ‘terra’, il greco χθών ‘terra’, il sanscrito kshas ‘terra’, l’irlandese duine ‘uomini’ ecc.). Parlavano una lingua, oggi detta “romanés”, il cui substrato […]

...Leggi tutto

I Rom nell'arte

Fiere, sagre e mercati: il rendering della festa e del commercio

17 mar , 2019  

836Callot (da)_Impruneta1

Uno dei luoghi comuni della ziganologia è che i Rom hanno sviluppato una preminente relazione con il mondo rurale e contadino. E’ indubbio che il loro stile di vita itinerante li metteva costantemente in contatto con le popolazioni rurali, alle quali chiedevano i generi alimentari di prima necessità (farina, pane, lardo, patate, parti scadenti di […]

...Leggi tutto